Istat: il gas è la prima fonte per il riscaldamento

Istat: il gas è la prima fonte per il riscaldamento e l’acqua calda nelle famiglie italiane.

La metà delle famiglie italiane dispone di un impianto di aria condizionata.

Il metano è la fonte energetica più diffusa in Italia, sia per il riscaldamento (68%) che per la produzione di acqua calda (69,2%).

Ecco quanto emerge dal rapporto Istat sui consumi energetici delle famiglie nel 2021.

Rispetto al 2013 si registra una leggera diminuzione nell’utilizzo di fonti tradizionali e non rinnovabili (metano, gasolio, gas liquefatto) a favore di energia elettrica e biomasse.

Gli impianti elettrici rappresentano l’8,5% per il riscaldamento e il 16% per la fornitura di acqua calda.

La biomassa fornisce il 15% del riscaldamento e il 5,5% dell’acqua calda.

L’energia solare gioca un ruolo crescente per l’acqua calda, ma rimane ancora un residuo (1,4%). 98, Il 6% delle famiglie dispone di singoli impianti o elettrodomestici (fissi o portatili) per il riscaldamento della propria abitazione; la restante quota di famiglie vive senza riscaldamento (principalmente nel Mezzogiorno).

Il 99,6% delle famiglie ha un sistema di acqua calda in casa. In più dei due terzi delle famiglie (71,2%), secondo l’Istat, i sistemi di riscaldamento e produzione di acqua calda si sovrappongono: si tratta di impianti centralizzati o autonomi come caldaie, termostufe, termocamini, solare termico o impianti di riscaldamento centralizzato.

Il 44,5% delle famiglie dispone di più impianti di riscaldamento, comprensivi di elettrodomestici centralizzati, autonomi e singoli, di vario tipo e fonti di approvvigionamento.

I singoli elettrodomestici (es. stufe, caminetti, pompe di calore monoblocco) sono presenti nella metà delle famiglie, sebbene siano utilizzati principalmente come sistemi ausiliari.

La metà delle famiglie italiane (48,8%) dispone di un impianto di condizionamento; la distribuzione di questo sistema è elevata in tutte le regioni del Paese: 51,2% al sud, 49,1% al nord e 44,2% al centro.

Durante i mesi caldi, il 28,5% delle famiglie con aria condizionata accende il sistema ogni giorno o quasi tutti i giorni (nei mesi caldi), il 35,3% più giorni alla settimana; un quarto delle famiglie (24,1%) lo usa solo saltuariamente o mai.

Durante l’estate, i condizionatori d’aria vengono accesi per una media di sei ore e 17 minuti al giorno.

Le famiglie residenti nei comuni più piccoli (meno di 50.000 abitanti) che non si trovano in montagna accendono più spesso il condizionatore (il 31% lo usa tutti i giorni o quasi tutti i giorni), mentre le famiglie nei piccoli comuni montani, secondo l’Istat, utilizzare sono i meno probabili (24%).

La frequenza di inclusione è influenzata anche da alcune caratteristiche della famiglia, come la dimensione dello spazio abitativo e l’età degli occupanti.

L’uso quotidiano aumenta con l’aumentare del numero di componenti della famiglia, dalle famiglie con un componente (25,5%) alle famiglie con cinque o più membri (31,8%).

Se in famiglia è presente almeno un bambino di età inferiore ai sei anni, l’uso quotidiano è superiore alla media (33,5%); nelle famiglie unipersonali con una persona anziana (di età pari o superiore a 65 anni), raggiunge il 27,8% ed è più basso (23,6%) quando l’unico componente della famiglia ha meno di 65 anni.

Se si considerano i grandi elettrodomestici, i più diffusi sono i frigoriferi e le lavatrici, presenti in quasi tutte le famiglie (rispettivamente 99,5% e 97,3%). Nella metà delle famiglie (50). Istat: il gas è la prima fonte per il riscaldamento e l’acqua calda nelle famiglie italiane.

Vai alla Pagina Facebook di ondasana.org

Visita il Canale video di ondasana.org su YouTube

Visita il profilo Pinterest di ondasana.org

Vai al Profilo Linkedin di ondasana.org

Visita il Profilo Instagram di ondasana.org

Vai al Profilo Twitter di ondasana.org

Visita al Profilo reddit di ondasana.org

Vai al Profilo TikTok di ondasana.org

Le altre notizie di ondasana.org

Exit mobile version