La commovente storia dei cani abbandonati intorno alla centrale nucleare di Chernobyl

La commovente storia dei cani abbandonati intorno alla centrale nucleare di Chernobyl

I cani, Chernobyl e l’amicizia tra gli amici a quattro zampe e le guardie della vecchia centrale nucleare. L’incidente di Chernobyl dal 1986 ad oggi rimane il più grande incidente nucleare della nostra storia. Il danno alla centrale nucleare ha prodotto 400 volte più radiazioni del bombardamento di Hiroshima, ma anni dopo gli scienziati hanno scoperto dettagli sorprendenti sulla vita nella città abbandonata ucraina di Pripyat.

Nel 2019, gli scienziati europei mostrarono i risultati di ricerche condotte sul territorio di Chernobyl per un periodo di diversi anni. Rivelano che l’area ristretta gode di una vita naturale estremamente ricca e diversificata. Oltre alla ricca flora, la Zona Proibita di Chernobyl è abitata anche da centinaia di cani.

Nessuno sa esattamente quanto. I soldati sovietici hanno sparato a molti degli animali abbandonati nel tentativo di prevenire la diffusione dell’infezione, ma una grande percentuale di loro è riuscita a scappare, nascondersi e sopravvivere. Col tempo si moltiplicano, continuando a vivere nelle vicinanze della vecchia centrale nucleare.

Alcuni custodi di Chernobyl hanno raccontato alla BBC delle vite dei cani abbandonati.

Tuttavia, si presentano ai giornalisti con pseudonimi, poiché temono di incorrere in punizioni o licenziamenti. Sia alle guardie che ai visitatori è severamente vietato toccare i cani. Il motivo è che non si sa se i quadrupedi non siano radioattivi e in che misura possano essere contagiosi e pericolosi.

Tuttavia, la maggior parte delle guardie di sicurezza non teme da tempo le radiazioni e si prende cura dei cani da anni, nutrendoli, rimuovendo le pulci, dando loro l’acqua e somministrando loro iniezioni anti rabbica, anche se non è loro consentito. La vita dei cani è in grave pericolo. Sono a rischio di contaminazione radioattiva, attacchi di lupi, incendi boschivi e carestia, tra le altre minacce.

L’aspettativa di vita media dei cani di Chernobyl è di soli cinque anni , secondo il Clean Futures Fund, un’organizzazione non governativa che monitora e si prende cura dei cani che vivono a Chernobyl. Ecco perché la cura di queste guardie è così importante per i cani, ha detto alla BBC Jonathan Turnbull, uno studente di dottorato in geografia all’Università di Cambridge.

È colpito dal forte legame che gli animali hanno con la maggior parte dei custodi di Chernobyl. Alcuni dei cani hanno paura delle persone e scappano quando vengono avvicinati, ma altri sono diventati i loro animali domestici. Le guardie hanno anche dato dei nomi alla maggior parte dei cani. Secondo Turnbull, uno di loro si chiama Alpha, il cui nome si riferisce a un tipo di radiazione.

La commovente storia dei cani abbandonati intorno alla centrale nucleare di Chernobyl

Un’altra si chiama Tarzan: è ben noto ai turisti di Chernobyl, poiché spesso li intrattiene con vari trucchi che fa a comando. Il terzo è chiamato Arco, perché le guardie lo hanno notato per la prima volta sotto un arco semidiroccato. Un altro dei cani si chiama Salsiccia perché è corto, grosso e molto simile a una salsiccia. Ama riscaldarsi in inverno sdraiandosi sui tubi del riscaldamento.

Questi tubi servono uno degli edifici utilizzati dai lavoratori nella Zona Proibita di Chernobyl. Fanno parte degli sforzi in corso per mettere in servizio e decontaminare la centrale distrutta. I cani di Chernobyl sono diventati leali guardiani della vecchia centrale nucleare e spesso avvertono le guardie di ospiti indesiderati, abbaiando a chiunque tenti di entrare nella Zona Proibita.

“Ci portano gioia in questo mondo post-apocalittico imbevuto di radiazioni”, ha detto una delle guardie, per la quale gli amici a quattro zampe sono diventati fedeli compagni. Secondo Turnball, la storia delle guardie di cani è notevole, e non solo nella situazione specifica di Chernobyl e nella Zona Proibita.

È notevole perché è un chiaro esempio di ciò che accade all’uomo e al cane da 15.000 anni. È così che le persone in tutto il mondo stabiliscono la loro connessione con i cani: li addomesticano a poco a poco fino a trasformarli negli animali domestici che conosciamo oggi.

Vai alla Pagina Facebook di ondasana.org

Visita il Canale video di ondasana.org su YouTube

Visita il profilo Pinterest di ondasana.org

Vai al Profilo Linkedin di ondasana.org

Visita il Profilo Instagram di ondasana.org

Vai al Profilo Twitter di ondasana.org

Visita al Profilo reddit di ondasana.org

Vai al Profilo TikTok di ondasana.org

Le altre notizie di ondasana.org

Exit mobile version