La scandalo della festa in giardino durante il lockdown: le scuse di Boris Johnson agli inglesi

La scandalo della festa in giardino durante il lockdown: le scuse di Boris Johnson agli inglesi

Il primo ministro britannico Boris Johnson si è scusato oggi per aver partecipato a una festa in giardino durante il lockdown del Paese nel 2020. Ci sono questioni su cui il governo non si sta avvicinando adeguatamente, ha ammesso.

Johnson ha affrontato la rabbia pubblica e politica per le accuse secondo cui il suo staff avrebbe ignorato le restrizioni sul coronavirus riunendosi per festeggiare, anche se era stato bandito.

Alcuni membri del suo partito conservatore affermano che il primo ministro deve dimettersi se non riesce a reprimere il malcontento. Oggi, Johnson ha ammesso per la prima volta di aver partecipato a una festa in giardino nel maggio 2020 nella sua residenza di Downing Street.

Tuttavia, ha assicurato che pensava si trattasse di una “riunione di lavoro”. “Voglio scusarmi. In retrospettiva, dovrei riportare tutti al posto di lavoro”, ha affermato il primo ministro britannico alla Camera dei Comuni.

La scandalo della festa in giardino durante il lockdown: le scuse di Boris Johnson agli inglesi

Gli inviti alla festa sono stati inviati via email a quasi 100 persone da un assistente di Johnson. All’epoca in Gran Bretagna era in vigore il divieto di riunioni all’aperto. “Signor Presidente del Parlamento, voglio scusarmi. So che milioni di persone in tutto il Paese hanno fatto sacrifici incredibili negli ultimi 18 mesi.

Conosco le sofferenze che hanno subito, incapaci di piangere i loro parenti defunti, di vivere la loro vita come desiderano o fare le cose che amano, e so quanto sono arrabbiato con il governo che guido, perché penso che a Downing Street stessa, le regole non siano state adeguatamente seguite dalle persone che le hanno create.

E anche se non vedo l’ora dei risultati dell’indagine ora, ho imparato abbastanza per sapere che ci sono cose che di norma non seguiamo. Devo assumermene la responsabilità “, ha detto Johnson impallidito nel suo discorso al parlamento.

“Sono andato in giardino poco prima delle 18. Il 20 maggio 2020, per ringraziare i loro collaboratori prima di tornare nel suo ufficio 25 minuti dopo per continua a lavorare. Dal punto di vista del tempo, dovrei riportare tutti al proprio posto di lavoro”, ha detto Johnson.

“La festa per il primo ministro è finita. L’unica domanda è se il popolo britannico lo caccerà? Il suo stesso partito lo espellerà? O agirà onestamente rassegnando le dimissioni?”, ha affermato Kier Starmer, leader della principale opposizione, ovvero il Partito Laburista. Sullo sfondo dello scandalo, la valutazione di Johnson è scesa a un minimo storico per l’intero mandato. Secondo il sondaggio Yugov, più della metà dei britannici vuole che si dimetta. Agli inglesi non servono le sue scuse.

Vai alla Pagina Facebook di ondasana.org

Visita il Canale video di ondasana.org su YouTube

Visita il profilo Pinterest di ondasana.org

Vai al Profilo Linkedin di ondasana.org

Visita il Profilo Instagram di ondasana.org

Vai al Profilo Twitter di ondasana.org

Visita al Profilo reddit di ondasana.org

Vai al Profilo TikTok di ondasana.org

Le altre notizie di ondasana.org

Exit mobile version