La terza dose del vaccino riduce di 16 volte il rischio di morte per covid-19

La terza dose del vaccino riduce di 16 volte il rischio di morte per covid-19

I risultati del monitoraggio epidemiologico effettuato in Italia dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) hanno mostrato che le persone non vaccinate hanno:

un rischio di morte per covid-19 16,6 volte maggiore rispetto a coloro che hanno subito un ciclo di immunizzazione e lo hanno integrato con un vaccino di richiamo.

Inoltre che coloro che non hanno ricevuto alcuna vaccinazione contro il coronavirus, questo rischio è 11,1 volte superiore rispetto a coloro che hanno completato il ciclo di vaccinazione meno di cinque mesi fa.

Inoltre, l’Iss riferisce che dopo cinque mesi dalla fine del ciclo di immunizzazione, la funzione protettiva dei vaccini diminuisce dal 74 al 39 per cento.

La terza dose del vaccino riduce di 16 volte il rischio di morte per covid-19

Allo stesso tempo, la loro capacità di proteggere dalle forme gravi della malattia rimane al livello del 93 percento. Se il secondo vaccino è stato somministrato più di cinque mesi fa, l’efficacia scende all’84 per cento.

Secondo i dati ufficiali, ad oggi in Italia sono completamente vaccinate contro il coronavirus 45 896 960 persone, che corrispondono all’84,96 per cento della popolazione del Paese di età superiore ai 12 anni. Più di 10,8 milioni di persone hanno ricevuto vaccinazioni di richiamo.

Vai alla Pagina Facebook di ondasana.altervista.org

Visita il Canale video di ondasana.altervista.org su YouTube

Visita il profilo Pinterest di ondasana.altervista.org

Vai al Profilo Linkedin di ondasana.altervista.org

Visita il Profilo Instagram di ondasana.altervista.org

Vai al Profilo Twitter di ondasana.altervista.org

Le notizie di curiosità su ondasana.altervista.org

Exit mobile version